Lune

il delirio di una femmina

Luna… Lune… Mond …. Moon … mobile, come la donna? novembre 14, 2011

Filed under: lunesworld:generale — JoyeuseVie @ 8:21 pm

giusto per stare nel tema…

 

Ho deciso di… agosto 12, 2011

Filed under: Uncategorized — JoyeuseVie @ 2:31 pm

ritornare.

Mi è tornata la voglia di scrivere. E pero che forse qualcuno conviderà con me le mie pazze idee. I miei strani pensieri.

Intanto un buon fine settimana a tutti.

 

Dalla mia vita ottobre 9, 2009

E’ vero quando si dice che il tempo elimina le cose superflue e da più risalto alle cose importanti. Il tempo a volte ci aiuta a dare la giusta importanza alle cose, perchè ci fa capire cosa ci ha segnato e colpito di più.

Quali sono le storie, i fatti della mia vita che mi hanno colpito di più, in questi mesi?

Ad agosto ho incontrato in treno una ragazza che lavora con dei rifuggiati minorenni. Mi ha raccontato di quella 15enne nigeriana, venuta in Europa qualche mese fa. Il padre un diplomatico, messo in galera e poi “disperso” (dunque ucciso), la piccola è stata cercata un giorno da diversi poliziotti, un branco di mostri, che la hanno portata in un luogo che lei non ricorda e la hanno violentata. Lei non ricorda tutto, per fortuna, perchè ad un certo punto è svenuta dai dolori. L’hanno massacrata.  La piccolina ha enormi problemi a farsi avvicinare da uomini in generale oramai, e quando la ragazza che ho conosciuto nel treno l’ha portata dalla ginecologA, solo l’idea di essere toccata l’ha fatta urlare come se stasse morrendo.
Questa BAMBINA è rovinata, per lei oramai tutti gli uomini sono cattivi. Ha subito un trauma enorme, che forse mai riuscira ad elaborare. E mi chiedo, ma perchè noi essere umani sappiamo essere cosi cattivi? Cosi bestie? Cosi mostri?

Poi ho incontrato delle persone che mentivano, anzi ci ho anche lavorato assieme, e mi chiedo: perchè certa gente mente in continuazione? Mente cosi spudoratamente da farsi anche beccare? Non c’è dignità? Non c’è rispetto?

Poi ho vissuto, capito, imparato, che non ci si puo fidare di nessuno. Tutti di deluderano, si è soli nel mondo.  Soli siamo nati e soli morriremo. Poi l’ametto sì ci sono persone che ti danno l’illusione che ci si puo fidare, ma infatti è una illusione.

Poi stranamente, pur avendo visto tante cose brutte quest’anno, cose che mi hanno inaccidita, inviperita, resa triste, infelice e melanconica… ecco forse in me sta iniziando di risvegliarsi la voglia d’innamorarmi prima o poi di nuovo (prima o poi, dunque ancora un pò lontana come tempistica). Forse perchè l’amore è l’illusione più bella che c’è a nostra disposizione.

 

Valori di vita luglio 30, 2009

Oggi parlando con una mia amica al telefono ho contastato per l’enesima volta, quanto sia importante vivere i propri valori. Colei, donna in carriera – pr per un importante azienda italiana di cui pubblicità vedete sempre in tv, che mi ha sempre criticata da due anni da questa parte per aver rinunciato alla mia di “carriera” per stare accanto ai miei genitori anche perchè mio padre è ammalato di tumore, ecco questa amica ha fatto dietromarcia.

Ora che sua madre è ammalata gravemente di tumore ai polmoni, ha capito la mia giusta scelta. Ora soffre di aver scelto di fare carriera ed essersi trasferita cosi lontana (in pratica ci sono due frontiere tra lei è i suoi genitori e quasi mille cilometri) per avere succeso. Ora si pente, e soffre di non poter essere più vicina a sua mamma.
Lei che a novembre mi aveva “rotto” insistendo di dover pensare a me, lei che mi dicceva che stavo buttando la mia vita, la mia futura cosi sicura carriera, ecco lei oggi mi disse che ho fatto bene, che la mia scelta è quella giusta. Mi ha detto, e questo mi ha veramente comosso “che da queste mie scelte si riconosce la persona stupenda e meravigliosa” che sono. Che in fine sono le cose umane quelle che contano, il resto ci riempie solo di noia. Detta da una che non s’emoziona tanto quando deve andare a dei gala dove ci sono tra l’altro l’AD Profumo, fa un certo impatto.

Io adoro questa mia amica, e le ho sempre perdonato (quasi) tutto. Le ho anche perdonato di avermi criticata cosi duramente in passato, in primis perchè sappevo come è lei, è secondo perchè sappevo che era solo un suo segno di preoccupazione nei miei confronti, del suo volermi bene e del suo credere incondizionato nelle mie competenze e qualità (a volte temo che mi sopravaluti, a sentire lei sono una specie di superwoman).

Il succo di questo scritto personale: nulla è più importante dei valori personali, dei valori che ogniuno di noi ha realmente nella vita. Se trascuriamo i nostri valori… rinunciamo a noi stessi.

 

Lasciarsi andare. luglio 4, 2009

In un mio vecchio articolo, nel mio vecchio blog, parlavo dei complessi d’inferiorità. La cosa che mi lascia a bocca apperta sono i commenti che leggo a riguardo. Storie di ragazzi o ragazze disperate, che vivono in malo modo la loro vita, storie di vite “soffocate” di tanto dolore e tante imcomprensioni.

Ed inizio a chiedermi come mai? Come mai questi giovani ragazzi hanno tutti questi problemi ad affrontare la vita? Non puo essere solo l’eduazione, non puo essere solo la società, non possono essere solo le esperienze vissute da piccoli?

Ultimamente, vedendo anche certi comportamenti di una mia impiegata, credo che è più un lasciarsi andare. Un non voler reagire. Un chiudersi in quel mondo e non avere la forza di uscirne.  Lasciarsi andare, autocomisserarsi, pinagersi adosso, vivere la malinconia, non saper essere felici. Cose che non riesco comprendere fino in fondo. Capisco le malattie, capisco i sintomi, capisco che una persona puo starci male, ma non capisco quando una persona non riesce liberarsi da certi problemi. La forza di volontà, la famosa forza di volontà!?

 

Il lutto di Viareggio. giugno 30, 2009

Filed under: Lune:Attualità — JoyeuseVie @ 9:56 pm

Sono col pensiero a Viareggio.

Ma devo ammettere che alla tristezza accumolo amarezza. Quante volte, aspettando in stazione il mio treno, vedeno passare con tanta velocità un treno piena di merce, ho pensato: se un giorno succederà qualcosa….

Mi riccordo che lo dissi anche all’uomo che amavo all’epoca. Gli dissi: vedi come è veloce questo treno di merce? E se portasse cose pericolose? E se proprio in stazione succede un incidente?

Era troppo evidente che prima o poi doveva succedere qualcosa, i treni passano le stazioni ferroviarie troppo velocemente. Ma non ci sono leggi a riguardo? E’ possibile, che dobbiamo rischiare per forza?

Rabbia, tanta rabbia.

 

Jackson e Fawcett giugno 26, 2009

E’ morto Michael Jackson. Colui che era già stato dimenticato come il “re del pop”, ora come accade spesso con la morte, viene riidealizzato. Anche gli articoli parlano ben poco delle accuse di pedofilia di ben due ragazzi (non solo Chandler, che è l’unico di cui viene scritto) e del pagamento di (come diccono i giornali americani) 22 millioni di USD proprio alla famiglia di Chandler.

La cosa che mi colpisce è che i giornali parlano ampiamente della morte di Jackson, ma trascurano la morte dell’attrice Fawcett. Il suo compagno di vita Ryan O’Neil sta passando un momento drammatico: rivivev quasi identicamente la trama del film di cui lui è stato protagonista tanti anni fa: Love Story. Mi sembra un tragico destino che lui ora rivive la trama che all’epoca lo fecce diventare famoso: perdere la donna che ama per una malattia.

Ovunque si trovano i riferimenti alla carriera di Jackson, io invece vorrei dedicare alla Fawcett, è ancor di più alla sua storia d’amore con O’Neil questo spezzone.

Che entrambi, Jackson e Fawcett, riposino in pace.